Siamo tutti tifosi, tu quale sei?

Il calcio è divertimento. Questa scritta apparve qualche anno fa sulle magliette della Fiorentina. Niente di più vero. Il calcio è uno spettacolo complesso, composto da tanti attori e qualche figurante: Un mix di passione, rivalsa sociale, ironia e talvolta odio. Come in tutte le manifestazioni degli stadi dell’essere, ci sono più varianti della medesima cosa. Ed anche dei tifosi. Dopo anni di stadi e divani in molteplici continenti, siamo lieti di stilarvi la seguente lista di categorie di tifosi:   IL TIFOSO OCCASIONALE: Negli ...

Sousa, Paulo Sousa

L’agente 007 James Bond è scaltro, forte, determinato, solerte, atletico, bello, furbo, piacione e soprattutto incredibilmente concreto: ottiene sempre risultati. Fermandoci a giocare un po’ con la fantasia, ci rendiamo conto che sono le stesse abilità di un signore portoghese. Questo siede sulla panchina della Fiorentina ed oltre a sfoggiare dei cardigan domenicali importanti, è arrivato con la sua squadra dove nessuno mai negli anni recenti; mai nell’era Della Valle, la Fiorentina è stata prima al netto dell’undicesima giornata. ...

I film di Fiorentina – Napoli

La Fiorentina capolista perde contro un buon Napoli, pagando a caro prezzo le due disattenzioni che hanno favorito i gol partenopei. La gara è la dimostrazione che nel calcio vince chi sbaglia meno. I viola hanno comunque sfoderato i classici elementi del calcio di Sousa; gli ingredienti, ottime uova fresche di giornata, che consentono di mantenere il primato in classifica: tecnica, tattica, compattezza e tanta corsa. Un primo tempo a ritmi sostenuti, con il joystick in mano agli uomini ...

Fiorentina manca solo il gol di Manto Erboso

Un tacco 18 quello che calza questa Fiorentina. Dall’alto guarda tutti verso il basso. Resta in equilibrio come Grace Kelly, elegante e sobria; per ora nessun scivolone alla io Valeria Marini. Sarà che per ora Vittorio è fuori dai giochi e la zafferana è finita. C’è un’ aura misteriosa che avvolge questo gruppo e la sua guida, non solamente perché il significato delle interviste di Paulo resta oscuro ai più, ma principalmente perchè un lunedì mattina ti accorgi che sei lassù ...

Il fine (non) giustifica i mezzi

Sarebbe facile lanciarsi in Machiavelliche congetture sull’efficacia, nonostante il (non)gioco, della Fiorentina andata in scena ieri pomeriggio al Braglia di Modena. Resisteremo a questa tentazione per due semplici motivi: prima di tutto perché Machiavelli non ha mai pronunciato l’aforisma che gli hanno “appioppato” da qualche secolo oramai, in secondo luogo non sarebbe comunque ben adattabile al vestito che la Fiorentina ha indossato in questo primo mese di campionato. Siamo a 9 punti ,terzi in classifica, a +4 rispetto all’avvio balbettante dello ...

I dolori europei del giovane Paulo

Sfido chiunque a provare una sensazione più fastidiosa di una previsione disattesa. Certo, sempre di storie di pallone si tratta, ma la prima di Europa League al Franchi presentava un menu gustoso e variegato: -un allenatore molto europeo, che grazie ai suoi innesti è stato protagonista nelle coppe. -Un destino, che si sa cinico e baro, aveva scelto come avversario su 48 squadre proprio il passato (vincente) di Paulo Sousa: Il Basilea (città bella, ma non ci vivrei). Non so certamente quali ...

Oye come va, Pepito

I tre punti animano sempre l’atmosfera come la canzone di Carlos Santana, la sua Gibson ed i suoi assoli come il colpo di testa di Babacar e la tecnica di Pepito; lo stesso Pepito che in un sabato non troppo entusiasmante di settembre ci regala la gioia di tornare titolare dal primo minuto dopo 482 giorni; 482 vagiti di un amore che “dall’ansia di perdersi ha avuto in un giorno la certezza di aversi”. Un Pepito cosmopolita, passato dall’Inghilterra alla ...