Perchè si dice Infinocchiato

Almeno una volta nella vita ci siamo sentiti infinocchiati. Dal primo che passa, dal venditore, dalle istituzioni, da un artista a cui si è affezionati, dalla fidanzata o dall’ex fidanzato, anche dal migliore amico, per quasi tre quarti d’ora si è rimasti di stucco e con lo sguardo basso.

9_c

Infinocchiare” è un verbo squisitamente toscano. Il significato si perde nell’etimologia regionale; il folklore e l’inventiva tipica dei fiorentini hanno prodotto questa speciale locuzione che è diventata comune fino ai giorni contemporanei.

toscana_ortelius_1584_grand

Il tutto ha a che fare con il finocchio. Beh grazie,e fin qui niente di nuovo. Ma cosa c’entra il finocchio?

Il significato si perde nei meandri della storia toscana e italiana. Quando la vendita dei prodotti derivanti dalla natura era diretta. L’industrializzazione del settore agricolo era uno spettro lontano. Gli scaffali dei supermercati, le pubblicità, la televisione, Facebook e i selfie non erano nemmeno teorizzati nei libri di fantascienza.

I venditori di vino! Che furbacchioni. Dipende tutto da loro.

Capitava che la vendemmia fosse particolarmente misera o troppo affrettata e da ciò derivava un pessimo vino; spesso e volentieri annacquato! Altro che Chianti Classico, qui proprio si parla di una brodaglia rossiccia. E come fare per venderlo? Ricorrere ad espedienti naturali!

finocchio

Al finocchio giustappunto. Vi siete resi conto di quanto possa essere forte il suo sapore? Esatto! Proprio quel sapore che rende così particolare e buona la finocchiona.

Il finocchio è da sempre un insaporitore naturale. Spezia a buon mercato. In più ha una proprietà speciale: inibisce le papille gustative e rende la bocca insensibile ai sapori. Inoltre l’aroma di finocchio e quella del vino si sposano benissimo. Per cui i furbi produttori di vino giù ad offrire il finocchio ai compratori, che bevendo lo squallido intruglio annacquato ne rimanevano entusiasti fino ad acquistarne a galloni.

Una volta tornati a casa e pronti a far banchetto con il rifornimento per una stagione intera, sbocciavano e davanti a tutti si rendevano conto d’esser stati infinocchiati.

IMG_0955-Medium

Un’altra categoria avvezza all’infinocchiamento era quella degli osti. Grazie all’erbacea così comune riuscivano a rivogare piatti rancidi e pessimi vini agli sfortunati commensali.

Ora  sapete perchè si dice così cercate di non farvi infinocchiare.

Gilberto Bertini

redazione@firenzefuori.it

Leave a reply

Related Posts
firenzefuori